Trinitaria

Corso annuale
Sabato, 9.00-10.35, Aula III, Primo teologia

Due principi tematico-metodologici ispirano il corso di teologia trinitaria: 1) poiché il dogma trinitario non è un mysterium logicum, ma un mysterium salutis, si deve considerare l’(auto-)rivelazione di Dio uno e trino nella storia evidenziandone l’intrinseca finalizzazione soteriologica;

2) poiché «la Trinità economica è la Trinità immanente» (K. Rahner), solo a partire dall’agire infrastorico di Dio diventa possibile “balbettare” qualcosa della sua vita intima.

Alla luce di queste affermazioni di principio, il corso prevede:

1) una disamina del dato biblico e dell’evoluzione storica della dottrina trinitaria (con particolare riguardo ai Padri della Chiesa, ai Doctores medievali, alle definizioni dei Concili ecumenici);

2) una proposta sistematica di teologia trinitaria, capace di integrare le acquisizioni irrinunciabili del pensiero scolastico-tomista con le migliori intuizioni del rinnovamento triadologico del XX secolo.

Bibliografia

Per l’esame è obbligatoria la conoscenza di uno dei seguenti testi:
P. Coda, Dalla Trinità. L’avvento di Dio tra storia e profezia, Roma 2011
W. Kasper, Il Dio di Gesù Cristo, Brescia 2009
L.F. Ladaria, Il Dio vivo e vero. Il mistero della Trinità, Cinisello Balsamo 2012

Testi consigliati

A. Cozzi, Manuale di dottrina trinitaria, Brescia 2009
J. Feiner – M. Löhrer, ed., Mysterium salutis, vol. III. La storia della salvezza prima di Cristo (prima parte), Brescia 1969
G. Greshake, Il Dio unitrino, Brescia 2000

prof. Pasquale Bua