Iscrizioni e immatricolazioni

Campagna immatricolazioni 2019-2020 fronte

Ormai il nuovo Anno Accademico è alle porte, perciò in questo periodo estivo bisogna concretizzare le scelte per le iscrizioni e le immatricolazioni.

Tra le diverse prospettive c’è anche quella di intraprendere o continuare gli studi in teologia. La strada è sicuramente particolare, ma al tempo stesso ricca di soddisfazione a livello intellettuale e culturale.

Prima di iniziare questo tipo di percorso di studi, però, è necessario domandarsi perché voler studiare teologia. Per rispondere a questa domanda puoi consultare l’articolo a questo link. Inoltre qui si segnala anche un altro articolo o, meglio, un’intervista ad una teologa, raggiungibile a questo link.

Nel caso i due articoli siano stati apprezzati e la risposta alla domanda è positiva, allora, puoi scegliere di iscriverti all’Istituto Teologico Leoniano di Anagni.

Continua a leggere questo articolo per avere delle informazioni in più su iscrizioni e immatricolazioni.

L’offerta formativa dell’Istituto

Campagna immatricolazioni 2019-2020 retro
Clicca per ingrandire

Presso l’Istituto Teologico Leoniano, in quanto aggregato alla Pontificia Facoltà Teologica “Teresianum” di Roma, è possibile conseguire i gradi accademici di:

  • Baccellierato in Sacra Teologia;
  • Licenza in Teologia dogmatica.

Per l’elenco degli esami da seguire si rimanda alle sezioni dedicate di questo sito. Qui si vogliono dare solo delle indicazioni di base.

Baccellierato in Sacra Teologia

Il Baccellierato in Sacra Teologia è il titolo che si consegue alla fine del primo ciclo di studi accademici.

Per accedervi bisogna essere in possesso di un titolo di studio che permette le iscrizioni e immatricolazioni alle università italiane (il cosiddetto diploma di scuola superiore).

Competenze del Baccellierato

Chi consegue il titolo, secondo quanto papa Francesco ha scritto nella costituzione apostolica “Veritatis Gaudium”:

  • ha conoscenze e capacità di comprensione degli elementi di base della teologia, supportati dallo studio della Sacra Scrittura, della letteratura patristica e dei dottori della Chiesa;
  • conosce e comprende le principali discipline teologiche. Attraverso l’applicazione di una metodologia di base, è capace di organizzare tale conoscenza in rapporto al corpus della dottrina cattolica;
  • dimostra conoscenza e comprensione critica delle principali questioni teologiche nel campo del rapporto tra la fede e la ragione, dell’ecumenismo e delle relazioni con le religioni non cristiane e del dialogo con il mondo. Valuta nella speciale luce della fede cattolica e sa discernere ciò che appartiene al magistero della Chiesa e quanto invece fa riferimento a posizioni singolari e prospettive individuali;
  • ha capacità di raccogliere le nozioni e interpretare gli studi ecclesiastici finalizzandoli alla dimensione pastorale del proprio impegno professionale;
  • dimostra la capacità di elaborare in modo adeguato e dottrinalmente coerente la trasmissione della fede cattolica. Adattandola al carattere culturale e al patrimonio sapienziale dei popoli e dei gruppi diversi;
  • sviluppa le attitudini e le competenze intellettuali, metodologiche e linguistiche di base nelle discipline filosofiche e teologiche utili per immettersi nel II ciclo in Teologia.
Durata e riconoscimento statale

Il percorso prevede 5 anni di studio, suddivisi in un biennio prettamente filosofico e un triennio a carattere teologico.

Chiedendo il riconoscimento del titolo al Ministero dell’Istruzione, lo stato italiano equipara il baccellierato in Sacra Teologia ad una laurea triennale.

Licenza in Teologia dogmatica

La Licenza in Teologia dogmatica è, invece, il titolo che si consegue alla fine del secondo ciclo di studi accademici.

Le iscrizioni e immatricolazioni alla Licenza sono possibili solo dopo aver conseguito il Baccellierato.

Competenze della Licenza

Sempre secondo quanto scritto nella costituzione apostolica “Veritatis Gaudium”, la Licenza è conferita agli studenti che:

  • abbiano dimostrato conoscenze e capacità di comprensione approfondite nel settore disciplinare specialistico intrapreso;
  • posseggono la capacità di produrre un contributo, metodologicamente orientato, volto al rafforzamento della conoscenza teologica;
  • hanno la capacità di integrare i diversi aspetti della conoscenza teologica in vista del confronto con le questioni scientifiche, culturali, ecumeniche e del dialogo con le altre religioni più complesse;
  • abbiano la capacità di discernere nella complessità e frammentarietà dei significati del divenire umano-sociale gli ambiti specifici sui quali la missione evangelizzatrice della Chiesa può intervenire, essendo in grado di escogitare autonomamente le specifiche iniziative;
  • siano in grado di comunicare in modo chiaro e promuovere senza ambiguità l’unità della conoscenza teologica, affinché sia annunciata alla cristianità e a tutte le genti, in contesti specialistici o meno;
  • abbiano la capacità di trasmettere tale conoscenza teorica e applicativa nell’esercizio di un incarico ecclesiastico, con particolare riferimento all’insegnamento in un Seminario maggiore o in una scuola equivalente;
  • abbiano sviluppato in modo pieno le competenze teoriche, metodologiche, linguistiche nel campo degli studi teologici per proseguire gli studi al III ciclo di Teologia.
Durata e riconoscimento statale

Il percorso prevede 2 anni di studio.

Chiedendo il riconoscimento del titolo al Ministero dell’Istruzione, lo stato italiano equipara la Licenza ad una laurea specialistica.

Che tipo di studente sarò all’atto dell’immatricolazione?

Dopo aver chiarito perché studiare teologia e dopo aver scelto di intraprendere questo percorso, nel ciclo di studi adeguato, bisogna porsi una nuova domanda: “in quale ordine di studenti devo iscrivermi?”.

Iscrizioni e immatricolazioni come ordinari, straordinari e ospiti

L’Istituto, infatti, accoglie tre ordini di studenti:

  • ordinari. Gli studenti ordinari sono coloro che seguono tutti i corsi dell’Istituto che fanno parte del loro piano di studi, facendo i relativi esami, per conseguire il titolo accademico;
  • straordinari. Gli studenti straordinari, invece, sono coloro che scelgono di seguire solo alcuni corsi, facendo anche i relativi esami, ma senza l’obiettivo di conseguire il titolo accademico;
  • ospiti o uditori. Gli ospiti, infine, sono coloro che seguono solo alcuni corsi, ma senza sostenerne gli esami.

Ci si iscrive come studenti ospiti, quindi, solo nel caso in cui si vogliano seguire delle lezioni per interesse e cultura personale.

Ci si iscrive come studenti straordinari per gli stessi motivi degli studenti ospiti, ma con l’obiettivo, anche, di voler capitalizzare lo studio fatto con l’esame e quindi vedersi riconosciuto il superamento del corso. Infatti, tutti i corsi seguiti e superati, come studente straordinario, verranno poi riconosciuti nel momento in cui si vuole diventare studente ordinario e quindi aspirare al titolo accademico.

Ci si iscrive come studente ordinario per avere, alla fine, il titolo accademico. In questo caso bisogna sapere che non si può essere iscritti in nessun’altra struttura accademica come studenti ordinari, né statale e né, tanto meno, ecclesiastica o pontificia.

Come procedere per l’immatricolazione all’Istituto

In base al tipo di studente che si vuole essere e a quali obiettivi ci si è posti, la procedura d’immatricolazione prevede tre fasi consecutive:

  1. raccolta dei documenti necessari e compilazione del modulo di iscrizione. In questa fase il futuro studente deve recuperare tutti i documenti richiesti dalla “Guida per gli studenti” (pag. 7-10) e compilare il modulo di iscrizione e i diversi allegati;
  2. prendere appuntamento con la segreteria per un colloquio con il direttore o un suo delegato e per la consegna dei moduli. Il colloquio serve allo studente per conoscere quelli che saranno i suoi punti di riferimento durante il percorso; e al direttore per conoscere lo studente e calibrare l’aiuto e l’accompagnamento da offrirgli. Nell’occasione lo studente può lasciare in segreteria tutti i moduli per l’immatricolazione. Per prendere appuntamento è possibile utilizzare il modulo di contatto;
  3. pagare le tasse dovute. Il pagamento dei contributi richiesti, se superiori a 100€, può avvenire, per ora, solo tramite bonifico bancario o bollettino postale, secondo le indicazioni che si trovano nella “Guida per gli studenti” o nella pagina dei contatti. Ordinariamente, il versamento delle tasse deve avvenire entro il termine della seconda settimana di lezione. Questo per dar modo, ai nuovi studenti, di iniziare a seguire le lezioni e, una volta convinti della scelta, finalizzare l’iscrizione. Nel caso di un ritiro, infatti, non è possibile riconsegnare le quote già pagate.

Cosa devo fare se ho già altri titoli universitari oppure ho già compiuto parte degli studi teologici in altre facoltà o istituti?

Nel caso in cui si è già in possesso di titoli universitari o si sono sostenuti alcuni esami affini agli studi teologici, filosofici e/o umanistici, si può mandare una mail alla segreteria allegando tutti i documenti in possesso per richiedere una valutazione previa del proprio curriculum.

Verrà inviata una risposta nell’arco di una settimana, nella quale:

  • si indicheranno gli eventuali ECTS riconosciuti;
  • si inviterà ad un incontro per valutare meglio la futura immatricolazione.

Cosa fare per rinnovare l’iscrizione

Per gli studenti già immatricolati negli anni passati, la procedura è simile a quella per l’immatricolazione, ad esclusione della raccolta dei documenti, se già consegnati all’atto della prima iscrizione.

In questo caso è importante il colloquio con il direttore, per controllare il raggiungimento degli ECTS per il superamento dell’anno di iscrizione.

In caso positivo ci si può iscrivere come studenti “in corso”, altrimenti come “ripetenti”. Specie in questo secondo caso bisogna valutare quali corsi si possono seguire degli anni successivi.

La segreteria è sempre a disposizione

La procedura può sembrare complessa, specie per i nuovi studenti. Per ogni dubbio o problema su iscrizioni e immatricolazioni la segreteria è sempre a disposizione per indicare cosa fare e come farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.